Archivi categoria: Mobilia Mirabilia

Tutti i mobili che mi fanno impazzire!

Zona Living: perchè no?

Ebbene si: anche noi proprietari di microappartamenti abbiamo diritto alla nostra zona living! Pensate sia impossibile riuscire a ritagliarla in un appartamento di appena 30-35 metri quadrati? Non lo è affatto!

Dipende tutto dalle proprie esigenze: quanto spazio siete disposti a sacrificare per il vostro living?

Vi piace ricevere amici offrendo loro un aperitivo e quattro chiacchiere?

O preferite soltanto un angolino tutto vostro per la lettura?

E ancora, vorreste poter ospitare qualcuno per qualche notte?

Si può rispondere affermativamente a ciascuna di queste domande!

Ovviamente, se volete avere uno spazio d’intrattenimento comodo per 4 o addirittura 6 persone, dovrete sacrificare al living gran parte dello spazio, ritagliandolo dalla cucina o dalla zona notte, a seconda dei vostri gusti e della disposizione della casa.

Ma in ognuno dei casi sopra citati, la prima regola aurea da seguire è: IL VOSTRO SALOTTO NON DEVE SEMBRARE UNO SHOWROOM! Deve essere accogliente, e invitare la gente a sedersi ovunque vogliano!

Ovviamente, la prima cosa da fare nella vostra minicasa, sarà quella di definire lo spazio del vostro salotto. A differenza degli altri appartamenti, un monolocale si chiama così proprio perchè è un unico locale senza pareti divisorie (eccetto quelle del bagno). A meno che non decidiate inopinatamente di erigere delle pareti voi stessi (in genere la cosa è impossibile, non solo per lo spazio esiguo, ma per una questione di luce naturale), non restano che due sistemi per definere lo spazio. Il primo, e più dispendioso, ma sicuramente d’effetto, è quello di ribassare il soffitto con un controsoffitto in cartongesso in cui inserirete poi il sistema di illuminazione (cosa proposta precedentemente anche per delineare la zona-cucina, nell’articolo “Fiat Lux!”) o creando, sempre col cartongesso, una cornice a soffitto in cui applicare l’illuminazione.

Soffitto ribassato con controsoffitto in cartongesso. La zona living, con divani e televisione, risulta ben definita rispetto a quella pranzo, in primo piano.
Soffitto ribassato con controsoffitto in cartongesso. La zona living, con divani e televisione, risulta ben definita rispetto a quella pranzo, in primo piano.
Cornice in cartongesso con illuminazione integrata: il risultato è il medesimo, ma l'effetto è forse maggiore.
Cornice in cartongesso con illuminazione integrata: il risultato è il medesimo, ma l’effetto è forse maggiore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il secondo modo per delineare il vostro spazio living, è decisamente meno costoso ma comunque efficace: usare un tappeto! Il tappeto definisce e àncora lo spazio, rendendo la zona, per quanto piccola, ben delineata e strutturata. Inoltre, qualunque sia il colore o il materiale di cui è fatto, trasmette sempre una sensazione di morbido confort e calore. E’ vero: il tappeto va pulito! Ma oggi giorno ne esistono di tantissime varietà, tra cui il PVC che è perfettamente lavabile addirittura senza doverlo spostare! Oppure, in cotone, che basta metterlo in lavatrice a basse temperature per farlo tornare come nuovo. Senza contare che cotone e PVC, rispetto ai classici tappeti di filati di lana o seta, costano decisamente molto meno!

Il tappeto delinea perfettamente la zona relax (Tappeto Nordi in pelo raso di Maisons du Monde a € 159,90; la poltrona e il poggiapiedi sono della linea vintage Iceberg, sempre di Maisons du Monde)
Il tappeto delinea perfettamente la zona relax (Tappeto Nordi in pelo raso di Maisons du Monde a € 159,90; la poltrona e il poggiapiedi sono della linea vintage Iceberg, sempre di Maisons du Monde)
Tappeto in PVC Ilario di Maisons du Monde (€ 17,99)
Tappeto in PVC Ilario di Maisons du Monde (€ 17,99)
Tappeto in cotone Croisièr di Maisons du Monde (€ 17,99)
Tappeto in cotone Croisièr di Maisons du Monde (€ 17,99)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una volta definito lo spazio del vostro living, è ora di capire come volete arredarlo, e di conseguenza, che decidiate quali sono le vostre priorità. Se amate la convivialità e decidete di preferire il salotto alla cucina o alla zona pranzo, dedicandogli quindi uno spazio importante, allora avrete bisogno di un divano (se ci sta, anche da tre posti), di almeno una poltrona e di un tavolino. Non è necessario che siano uguali, anzi! Il risultato è più d’effetto e personale se sono spaiati!  Il divano, essendo un pezzo molto grande, è preferibile che sia di un colore neutro, mentre i tessuti sgargianti li potete utilizzare per i cuscini o il plaid con cui lo decorerete. Come il tappeto, il divano contribuisce a definire lo spazio e a dare stabilità alla composizione. Usatelo quindi come divisorio vero e proprio, magari dalla cucina o dalla zona-letto. Se poi avete voglia di ospitare qualcuno di tanto in tanto, allora scegliete un divano-letto. Ce ne sono di belli e comodi anche a soli 2 posti! In questo caso, però, abbiate l’accortezza di scegliere un tavolino facilmente spostabile, o ancora meglio con le rotelline, in modo da fare velocemente spazio al letto da estrarre dal divano.

Il divano vintage Iceberg di Maisons du Monde è proposto in vari colori pastello, tutti adorabili. Costa € 369,90 ed è a due posti (abbondanti: se ci si strizza, ci si sta anche in tre!)
Il divano vintage Iceberg di Maisons du Monde è proposto in vari colori pastello, tutti adorabili. Costa € 369,90 ed è a due posti (abbondanti: se ci si strizza, ci si sta anche in tre!)
Il divano-letto Elliot di Maisons du Monde è largo 140cm: da chiuso è un comodo divanetto per due, da aperto diventa un letto addirittura Queen Size! Costa €229,90 ma bisogna aggiungerci la fodera, che è a parte ed è in varie fantasie, tutte a € 99,90.
Il divano-letto Elliot di Maisons du Monde è largo 140cm: da chiuso è un comodo divanetto per due, da aperto diventa un letto addirittura Queen Size! Costa €229,90 ma bisogna aggiungerci la fodera, che è a parte ed è in varie fantasie, tutte a € 99,90.

 

A questo punto aggiungete una o due poltrone, a seconda dello spazio rimasto, e rigorosamente spaiate. Potete scegliere la classica poltrona comoda, con la seduta profonda e lo schienale lievemente reclinato, oppure un’intramontabile bergère, più rigida e formale. L’importante è che il risultato finale sia armonioso, e potrete uniformarlo distribuendo cuscini della stessa fantasia su tutte le sedute.

La Bergère in lino Manoir di Maisons du Monde è sinuosa e formale al tempo stesso (€ 328,90)
La Bergère in lino Manoir di Maisons du Monde è sinuosa e formale al tempo stesso (€ 328,90)
Stravagante ma estremamente comoda, la poltroncina a dondolo Gullholmen di Ikea in fibra di banano (€ 59,99)
Stravagante ma estremamente comoda, la poltroncina a dondolo Gullholmen di Ikea in fibra di banano (€ 59,99)
Vintage e di un bel giallo pop, è Iceberg di Maisons du Monde (€ 299,90)
Vintage e di un bel giallo pop, è Iceberg di Maisons du Monde (€ 299,90)

 

 

 

 

 

 

 

 

Manca ora un bel tavolino su cui appoggiare drink, riviste e i piedi quando si guarda la televisione. Potete anche sostituire il tavolino con un pouf, che potreste quindi riutilizzare alla bisogna come seduta di scorta. Questa soluzione è ottimale anche nel caso in cui decidiate di ritagliarvi soltanto un piccolo spazio living, costituito soltanto da una zona relax con poltrona e tavolino: in questo caso, il pouf è l’ideale, perchè quando sarete soli lo potrete usare come tavolino o poggiapiedi, mentre se avrete qualche ospite lo potrete usare come seduta aggiuntiva.

Il Tavolino Graphique di Maisons du Monde è pratico e leggero, dal design minimal che si adatta un po' a tutti gli stili. Costa solo € 29,99 (Maisons du Monde)
Il Tavolino Graphique di Maisons du Monde è pratico e leggero, dal design minimal che si adatta un po’ a tutti gli stili. Costa solo € 29,99 (Maisons du Monde)
tavolini ikea
I tavolini Hatten e IKEA PS 2014 di Ikea sono semplici e funzionali: entrambi sono contenitori, maneggevoli e facili da spostare. Hatten (€ 29,99) ha anche la parte superiore estraibile, che diviene così un pratico vassoio. (IKEA PS 2014 costa € 59,99)
tavolino a rotelle in metallo Garden Factory 59,99
Garden Factory di Maisons du Monde è in metallo verde chiaro, ha il cestellino estraibile che diventa quindi un comodo contenitore, e le rotelline per essere spostato dove volete! (€ 59,99)

 

Set di tre tavolini estraibili ARCACHON 199,90
Il set di tre tavolini Arcachon di Maisons du Monde (€ 199,90) si può compattare infilandoli uno dentro l’altro, oppure triplicarne la superficie d’appoggio estraendoli tutti!
set due tavolini in vetro
Per creare un effetto ancora più armonioso (e se ne avete lo spazio) accostate due tavolini uguali in maniera simmetrica, piuttosto che un unico tavolo più grande.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E ora che avete finito di arredare la vostra zona-living (estesa o angolino che sia) non vi rimane che godervela!

 

Annunci

Prove d’arredamento.

La vita a volte non procede secondo le proprie aspettative, e non è una novità.

Compito nostro trarre sempre il meglio dagli imprevisti.

Così, di fronte allo slittamento del mio trasferimento nella mia microcasa, mi sono rimboccata le maniche per ritagliarmi un posticino all’interno di quella dei miei genitori.

Anche questo è un piccolo spazio, e molti dei mobili e degli accorgimenti da me addottati in questo frangente, mi seguiranno nell’avventura della microcasa, quindi ho ritenuto opportuno condividerli con voi.

Mi son dovuta letteralmente ritagliare una camera da un enorme soggiorno. Fortuna ha voluto che questo soggiorno, oltre ad essere enorme (si parla di circa 30mq, poco meno della mia microcasa!) fosse anche dotato di una portafinestra E una finestra, rendendo quindi più che possibile una divisione interna degli spazi.

Piantina del soggiorno: a destra la portafinestra e la finestra.
Piantina del soggiorno: a destra la portafinestra e la finestra.

Dividendo il soggiorno tra la finestra e la portafinestra, si ottiene uno spazio di circa cm 360  x 400 (poco più di 14 mq) più che sufficiente per un’accogliente zona notte. Non essendo comunque uno spazio grande, e avendo l’unica finestra esposta a nord, non risulta essere un ambiente particolarmente luminoso. Ho dunque deciso di dipingere le pareti di bianco ghiaccio, e di assumere una palette cromatica piuttosto chiara e uniforme, sui toni del bianco, beige e betulla, con accenti di grigio, nero e azzurro.

La palette di colori scelta per la mia stanza: bianco, azzurro, turchese, betulla, nero.
La palette di colori scelta per la mia stanza: bianco, azzurro, turchese, betulla, nero.

Per evitare le spese e i tempi legali dell’erezione di una parete in cartongesso, ho preferito dividere lo spazio con una serie di TENDE A PANNELLO inserite su un BINARIO A SOFFITTO. Una soluzione pratica, economica, piuttosto veloce e facile nella realizzazione, e rimuovibile in qualunque momento.

Per separare la zona notte da quella giorno, mi sono servita di tende a pannello montate su binari a soffitto.
Per separare la zona notte da quella giorno, mi sono servita di tende a pannello montate su binari a soffitto.

Utilizzando un BINARIO TRIPLO ho potuto inserire le tende a pannello beige dalla parte rivolta verso il soggiorno, per creare un effetto più unitario; un pannello l’ho inserito nel binario centrale, per poterlo far scorrere come una porta; e nel binario interno che dà sulla zona notte ho inserito delle tende oscuranti grigie.

Il binario utilizzato è il SISTEMA KVARTAL di IKEA (tre binari tripli color alluminio, cm 140 a € 14,99 cad. e sei accessori per attaccare il binario al soffitto, € 2,99 cad.), mentre le tende a pannello sono ANNO TUPPLUR  beige sempre di IKEA (sette da cm 60x300 € 9.99 cad.)
Il binario utilizzato è il SISTEMA KVARTAL di IKEA (tre binari tripli color alluminio, cm 140 a € 14,99 cad. e sei accessori per attaccare il binario al soffitto, € 2,99 cad.), mentre le tende a pannello sono ANNO TUPPLUR beige sempre di IKEA (sette da cm 60×300 € 9.99 cad.)
All'interno della zona notte 3 tende oscuranti MARJUN di IKEA (vendute alla coppia a € 59,90).
All’interno della zona notte 3 tende oscuranti MARJUN di IKEA (vendute alla coppia a € 59,90). Utilizzando i PATTINI KVARTAL (una confezione da 24 costa € 2,50, ne ho utilizzate 3) e i GANCI RIKTIG (una confezione ne contiene 20 e costa € 2,99, ne ho utilizzate 3), le tende si appendono velocemente e facilmente.

 

 

 

 

 

 

 

 

All'interno, le tende MARJUN sono oscuranti e attutiscono i rumori, mentre il pannello esterno scorre come una porta, grazie al TIRATENDE KVARTAL (€ 2,99)
All’interno, le tende MARJUN sono oscuranti e attutiscono i rumori, mentre il pannello esterno scorre come una porta, grazie al TIRATENDE KVARTAL (€ 2,99)

Una volta suddiviso il soggiorno e creata la mia stanza, ho predisposto il mio letto BRIMNES di IKEA praticamente al centro. A sinistra della “porta” ci sono il guardaroba PAX bianco da cm 150 x 236 con ante scorrevoli e la mia vecchia scrivania, che ho provveduto a rivestire. Sopra alla scrivania, ho installato la mensola EKBY ALEX (€ 41) di Ikea con staffe EKBY HALL (€ 3 cad.)

Il letto con contenitore e testiera BRIMNES ( totale € 249) domina il centro della stanza. Sopra il letto, a dare un tocco di colore, la mia "tela-feticcio" Blues come through, acquistata su Dalani.it. Ai lati, due vetrinette con sfondo azzurro NORNAS di Ikea (€ 34,90 cad.)
Il letto con contenitore e testiera BRIMNES ( totale € 249) domina il centro della stanza. Sopra il letto, a dare un tocco di colore, la mia “tela-feticcio” Blues come through, acquistata su Dalani.it. Ai lati, due vetrinette con sfondo azzurro NORNAS di Ikea (€ 34,90 cad.)
A destra dell'ingresso nella zona notte, ci sono il guardaroba PAX da cm150x236 (€ 349 inclusi accessori interni) e la scrivania.
A sinistra dell’ingresso nella zona notte, ci sono il guardaroba PAX da cm150x236 (€ 349 inclusi accessori interni) e la scrivania.

 

 

 

 

 

 

 

Le ante scorrevoli sono pratiche e permettono di risparmiare molto spazio!
Le ante scorrevoli sono pratiche e permettono di risparmiare molto spazio!

 

 

 

 

 

 

 

 

La scrivania l'avevo già, ho aggiunto una cassettiera su rotelle trovata in offerta in un supermercato, la mia splendida poltrona MAURICETTE color petrolio di Maisons du Monde, e la mensola con cassetti EKIBY ALEX di Ikea.
La scrivania l’avevo già, ho aggiunto una cassettiera su rotelle trovata in offerta in un supermercato, la mia splendida poltrona MAURICETTE color petrolio di Maisons du Monde (€ 79), e la mensola con cassetti EKBY ALEX di Ikea.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per rivestire la vecchia scrivania, ho usato una carta plastificata color betulla chiara, per armonizzarla con le vetrinette NORNAS e le gambe della poltroncina MAURICETTE.
Per rivestire la vecchia scrivania, ho usato una carta plastificata color betulla chiara (due rotoli cm 40×200, al costo di €2,89 cad.), per armonizzarla con le vetrinette NORNAS e le gambe della poltroncina MAURICETTE.

Visto che l’angolo studio risulta con le spalle all’unica finestra, e quindi un po’ buio, ho installato sotto alla mensola una barra luminosa a led LEDBERG di Ikea (composta da tre elementi di cm 25 ciascuno, per una lunghezza totale di cm 75; € 9,99 compreso filo elettrico e interruttore).

La barra luminosa a led LEDBERG è molto leggera, quindi si può attaccare sotto alle mensole con un semplice biadesivo. La durata dei led è di circa 20.000 ore.
La barra luminosa a led LEDBERG è molto leggera, quindi si può attaccare sotto alle mensole con un semplice biadesivo. La durata dei led è di circa 20.000 ore.

A destra dell’ingresso ho posizionato due scaffali bianchi porta cd/dvd GNEDBY di Ikea e tra di essi l’attaccapanni a tre ganci nero NIPPRIG in rattan. Oltre la finestra (che ha l’infisso grigio come le tende interne oscuranti),  non poteva mancare la mitica libreria bianca BILLY di Ikea.

Due scaffali Gnedby di Ikea (€ 24,90 cad.) e l'attaccapanni NIPPRIG nero (€ 9,99).
Due scaffali Gnedby di Ikea (€ 24,90 cad.) e l’attaccapanni NIPPRIG nero (€ 9,99).
Un modulo Billy bianco costa € 44,95, e misura cm 80x28x202.
Un modulo Billy bianco costa € 44,95, e misura cm 80x28x202.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho rafforzato il color betulla e la texture del legno aggiungendo, ai lati del quadro “Blues come through”, due vetrinette NORNAS di Ikea per contenere tutte le chincaglierie cui sono più affezionata, decidendo di lasciarle nel loro colore naturale, e mettendoci lo sfondo azzurro.

Vetrinetta Nornas con souvenir orientali.
Vetrinetta Nornas con souvenir orientali.
Vetrinetta NORNAS con souvenir dal resto del mondo.
Vetrinetta NORNAS con souvenir dal resto del mondo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Infine, come illuminazione volevo delle lampade bianche, aeree e leggere, per contribuire a dare un tocco luminoso ed etereo ad una stanza non particolarmente grande e la cui unica finestra, esposta a nord, non permette un’appropriata illuminazione naturale.

Ho così scelto delle lampade in stile orientale di carta: VATE di Ikea (€ 7,99) che ho posizionato sulla testiera del letto e che uso come abat-jour; e come lampadario centrale, una sospensione di carta con leggere fantasie di bambù, acquistato a € 9,90 ad una svendita in un supermercato locale.

VATE come abat-jour sulla testiera del letto.
VATE come abat-jour sulla testiera del letto.

 

WP_000547
Sospensione di carta in stile orientale. Tutte le luci hanno lampadine a led.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ed ecco completato il mio angolino, a costi contenuti, e con la possibilità, un giorno non lontano, di riutilizzare tutto nella mia microcasa!

Per il sistema tende-binario: € 270 circa (tutto incluso). La media dei preventivi fatti fare a professionisti del settore per una parete in cartongesso con una porta a soffietto era di € 650. Da aggiungere: il costo della presentazione in Comune di una variazione della pianta originale della casa.

Per i mobili e i complementi elencati nel post: € 935 circa.

Arrivederci!
Arrivederci!

 

 

 

 

 

 

Per fare un mobile, ci vuole un pallet…

…oppure una bobina industriale o delle cassette di legno.

Eccoci all’angolo del fai-da-te.

Solo per chi di voi è davvero in gamba e ha un po’ di tempo libero a disposizione, ovviamente. Per tutti gli altri (me compresa, che quando si tratta di attrezzi, pare che il mio pollice opponibile scompaia) darò l’alternativa acquistabile già pronta (e non a poco prezzo, ahimè, ma nemmeno senza dover impegnare l’auto di nonna).

Nel post “Trova l’intruso” abbiamo concluso con uno splendido sgabello di Maisons du Monde, Bobina Docks (vi rinfresco la memoria qua sotto):

Sgabello Bobina Docks di Maisons du Monde (€ 79,90) è un'idea superlativa, che si può sposare con qualunque stile, mettendosi sempre in contrasto, soprattutto in un delicato ambiente shabby-chic.
Sgabello Bobina Docks di Maisons du Monde (€ 79,90) è un’idea superlativa, che si può sposare con qualunque stile, mettendosi sempre in contrasto, soprattutto in un delicato ambiente shabby-chic.

Se avete modo di procurarvi una bobina industriale, sono innumerevoli le cose che potete ottenere con un po’ di carta vetrata, vernice da legno e olio di gomito. Magari, con anche qualche chiodo e ulteriori pezzetti di legno, potreste creare una meraviglia del genere:

Bobina-tavolino con scaffalatura per i libri, e pure delle pratiche rotelle!
Bobina-tavolino con scaffalatura per i libri, e pure delle pratiche rotelle!

 

 

 

 

 

 

 

 

Se siete (come me) troppo inetti o pigri per cimentarvi con questa impresa, potete contattare LABObinadesign, che vi risponderanno in frettissima, e ordinare la vostra bobina su misura: potete scegliere modello, misure, colore, ed eventualmente customizzarlo con decal, tessuti o rotelle, per ottenere poi un tavolino come questo:

Appino, tavolino-bobina di LABObina Design. In questo caso, ha un elegante pianale in vetro.
Appino, tavolino-bobina di LABObina Design. In questo caso, ha un elegante pianale in vetro.

Se invece volete pensare in grande, allora usate i pallet, che tra l’altro sono reperibili molto più facilmente e pressocchè ovunque. Inoltre, sono più versatili, rispetto alla bobina che, diciamocela tutta, pur adorandola ha il notevole limite della forma (anche se quelli de LABObina Design devo dire che hanno trovato ingegnose soluzioni…)

Coi pallet si può fare di tutto. Per averne un’idea, basta andare su Pinterest e venire travolti da una valanga di tutorial sulla costruzione di mobili coi pallet, sia lasciandoli interi dopo averli scartavetrati a dovere che fidatevi i pallet son pieni di schegge, sia smembrandoli e ricomponendoli.

Scaffali ottenuti smembrando un pallet.
Scaffali ottenuti smembrando un pallet.
Uno scaffale ottenuto appendendo un pallet così com'è al muro, ma al contrario, e dopo averlo rivestito internamente.
Uno scaffale ottenuto appendendo un pallet così com’è al muro, ma al contrario, e dopo averlo rivestito internamente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un pallet divano: notate le comode aperture sottostanti, per infilarci libri e cianfrusaglie.
Un pallet divano: notate le comode aperture sottostanti, per infilarci libri e cianfrusaglie.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Splendido coffee table, con vetro e rotelle.
Splendido coffee table, con vetro e rotelle.

Anche in questo caso, se vi cala la palpebra al solo pensiero di scartavetrare un affare di 80×120 centimetri, eccovi una valida alternativa, fornita da (manco a dirlo) 800×1200 eco design:

Divano e coffee table da pallet di 800x1200 Eco Design.
Divano e coffee table da pallet di 800×1200 Eco Design.

Per finire, passiamo forse alla soluzione più semplice di tutte: l’utilizzo smodato di cassette di legno. Forse persino una persona inetta e pigra come me riuscirebbe a cavare qualcosa di buono da una cassetta di legno. Mettendone poi assieme 3 o 4, saltan fuori dei complementi d’arredo davvero incredibili (sempre ad avere il tempo e l’arte…):

Tavolino di servizio, perfetto di fianco alla poltrona, perchè è pure portariviste! Facilissimo, basta scartavetrarlo un po' in modo da non conficcarsi delle schegge ogni volta che lo si sfiora.
Tavolino di servizio, perfetto di fianco alla poltrona, perchè è pure portariviste! Facilissimo, basta scartavetrarlo un po’ in modo da non conficcarsi delle schegge le dita ogni volta che lo si sfiora.
Portariviste. Impegnandoci un po' di più, cioè aggiungendo quattro rotelline, otterremmo questo pratico portariviste!
Portariviste. Impegnandoci un po’ di più, cioè aggiungendo quattro rotelline, otterremmo questo pratico portariviste!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Impegnandoci a ridipingere le nostre cassette, ecco che diventano graziosissimi scaffali da appendere alla parete!
Se ci sprechiamo a ridipingere le nostre cassette, ecco che diventano graziosissimi scaffali da appendere alla parete!
Se usate quelle cassette che ogni Natale qualche parente vi regala con dentro due o tre bottiglie di vino (se siete fortunati ad avere tali parenti), potete ottenere scaffali più stretti e, con l'accortezza di rivestirtli oltrechè di dipingerli, saranno stupendi per libri e dvd, soprattutto se accostati tra loro con dimensioni diverse.
Se usate quelle cassette che ogni Natale qualche parente vi regala con dentro due o tre bottiglie di vino (se siete fortunati ad avere tali parenti), potete ottenere scaffali più stretti e, con l’accortezza di rivestirtli oltrechè di dipingerli, saranno stupendi per libri e dvd, soprattutto se accostati tra loro con dimensioni diverse.

 

Qui si sono limitati a sovrapporre cassette di forma diversa e ad affidarsi a Dio per il loro equilibri, ma c'è chi riesce a costruirsi un'intera bellissima libreria - e più stabile.
Qui si sono limitati a sovrapporre cassette di forma diversa e ad affidarsi a Dio per il loro equilibrio, ma c’è chi riesce a costruirsi un’intera bellissima libreria – e più stabile.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Infine, se siete veramente bravi, potete ottenere questo splendido coffe table unendo 4 cassette uguali. E' anche dotato di ruote!
Infine, se siete veramente bravi, potete ottenere questo splendido coffe table unendo 4 cassette uguali. E’ anche dotato di ruote!

Non preoccupatevi. Se siete così indaffarati (o sfaticati) da non voler prendervi la briga neppure di scartavetrare una cassetta di legno, allora eccovi alcuni begli esempi rustici da Maisons du Monde, che si è concentrata soprattutto sulla creazione di portariviste e contenitori:

Cassetta portatutto Railway di Maisons du Monde (€ 79,90)
Cassetta portatutto Railway di Maisons du Monde (€ 79,90)
Da una cassetta porta-vini, una bellissima valigia decorativa! Bastide di Maisons du Monde (€ 21,99)
Da una cassetta porta-vini, una bellissima valigia decorativa! Bastide di Maisons du Monde (€ 21,99)

 

 

 

 

 

 

Amazon, invece, propone una linea per la cucina di Links -Think Design che, tra le altre cose, usa lo stile “cassetta di frutta”:

Fruits di Links - Think Design (su Amazon è in offerta col 70% di sconto e costa €24,98 anzichè € 99) è un carrello da cucina che, se volete, potete anche dipingervi del colore che vi pare.
Fruits di Links – Think Design (su Amazon è in offerta col 70% di sconto e costa €24,98 anzichè € 99) è un carrello da cucina che, se volete, potete anche dipingere del colore che vi pare.

Insomma, sia che siate dei novelli McGiver, sia che siate pigri come un gatto, se decidete di avere un mobile in stile “diy” in casa, ora sapete come ottenerlo.

Trova l’intruso

Spesso quando arrediamo la nostra microcasa, la “palette di colori” che abbiamo scelto perchè rispecchia fedelmente la nostra idea di partenza (quella attorno cui ruota tutto il nostro “concept” di casa, insomma), tende a prenderci la mano. In altre parole, corriamo il rischio di creare un ambiente “troppo uniforme” a livello visivo, sia per colori, sia per materiali. E sebbene l’uniformità, la simmetria e l’armonia siano sempre auspicabili, il rischio è che il risultato sia un ambiente sterile, troppo patinato, troppo perfetto, da “rivista” insomma, ma che non rispecchia a sufficienza la nostra personalità.

Ci ritroviamo con un microappartamento senza carattere.

A questo proposito, Deborah Needleman, autrice del bellissimo “La casa deliziosamente imperfetta” (Mondadori, € 29,90), ha tantissime idee da proporvi per non imbattervi in questo rischio. Vi consiglio caldamente il libro, perchè è delizioso, divertente, “veloce” da leggere e davvero ricchissimo di consigli di stile. Ma nel frattempo, se vi accontentate, perliamone un po’ anche qua.

Per dare un tocco personale alla stanza (o, come nel nostro caso, all’unica stanza) basta davvero poco: sforzatevi di introdurre nella palette di colori, un colore d’accento. Il colore d’accento è un colore in netto contrasto con la palette cromatica, ad esempio:

In questa palette dai toni neutri/freddi, l’accento è rappresentato dall’unico colore caldo, l’arancio.
In questa palette dai toni freddi, l'accento è il color rosa pesca, un colore caldo.
In questa palette dai toni freddi, l’accento è il color rosa pesca, un colore caldo.

 

 

 

 

Ma l’accento non deve dilagare, deve essere presente in piccole quantità, e possibilmente ripetersi soltanto due o tre volte, in oggetti diversi e non troppo ravvicinati. Può essere ad esempio un cuscino arancione sul divano, un vaso dello stesso colore sul tavolo e dei nastri arancione alle tende della finestra.

Già con questo piccolo accorgimento cromatico si avrà salvato la stanza dalla monotonia di un’armonia troppo perfetta.

Ma meglio ancora sarebbe introdurre nell’insieme un oggetto stravagante, stridente, il classico “intruso”, che preso di per sè potrebbe addirittura sembrare brutto o inutile, ma che nel contesto della stanza indica “ironia nell’arredare, e quindi autoironia“, per dirla come Deborah Needleman.

Può essere un vecchio pezzo di arredamento cui siete particolarmente legati (quello che Deborah Needleman chiama scherzosamente un “inteneritore”): anche se sembra stonare col resto del mobilio, non importa. Sarà il vostro affetto verso quell’oggetto a giustificarne l’esistenza nella vostra casa e a renderlo imprescindibile, perchè “la persona davvero chic è capace di intenerirsi e antepone l’affetto allo stile e in questa ottica perfino le cose di pessimo gusto diventano divertenti“.

Oppure può essere un comune e normalissimo oggetto d’arredamento, ma messo nel posto “sbagliato” o utilizzato per uno scopo diverso da quello per cui sarebbe stato creato. L’effetto è di sorpresa e divertimento, ma segnala anche la forte personalità del padrone di casa, perchè “certe cose, messe dove non dovrebbero stare, indicano che voi avete il controllo della situazione in casa e non il contrario.”

Specchio "incorniciato" dalle persiane di una finestra. Un modello simile è "Constance", in vendita a € 59,90 da Maisons du Monde.
Specchio “incorniciato” dalle persiane di una finestra. Un modello simile è “Constance”, in   vendita a € 59,90 da Maisons du Monde.
Una scala a pioli ridipinta e usata come portariviste. Una simile la potete trovare già pronta da Zara Home a € 59,90.
Una scala a pioli ridipinta e usata come portariviste. Una simile la potete trovare già pronta da Zara Home a € 59,90.
Una sedia vintage usata come tavolino per dei libri e un bel vasetto di rose rosse.
Una sedia vintage usata come tavolino per dei libri e un bel vasetto di rose rosse.

Infine, si possono scegliere semplicemente dei mobili o dei complementi d’arredo stravaganti (ma mai più di uno o due per stanza, se no si rischia di creare confusione e soprattutto di sembrare troppo stravaganti noi).

Non è necessario ricorrere al design e spendere un sacco di soldi. Se avete una buona manualità e tempo libero, potete dedicarvi al fai-da-te (e ne parleremo più tardi). Altrimenti potete semplicemente cercare on-line, nei mercatini o nei negozi che preferite una sedia, un pouf, uno sgabello, un tavolino particolari, che siano in contrasto con lo stile della stanza, o che abbiano più funzioni.

Infine, se volete spendere davvero poco, comprate un paio di semplici cuscini  rigorosamente spaiati, o appariscenti: che ci crediate o no, in un contesto totalmente differente creano un piacevolissimo contrasto.

Cuscino Puoi di Maisons du Monde
Cuscino Puoi di Maisons du Monde  (la fodera costa € 13,99)
Il cuscino puoi in un ambiente dallo stile esotico e coloniale, anzichè sembrare fuori luogo, crea un gradevolissimo accento di colore.
Il cuscino Puoi in un ambiente dallo stile esotico e coloniale, anzichè sembrare fuori luogo, crea un gradevolissimo accento di colore.
Le sedie Bamako (€ 89,99 la coppia) di Maisons du Monde sono retrò e etniche al contempo. Perfette da "sdoppiare", magari ai due lati opposti della stanza.
Le sedie Bamako (€ 89,99 la coppia) di Maisons du Monde sono retrò e etniche al contempo. Perfette da “sdoppiare”, magari ai due lati opposti della stanza.
Il Tavolino Bastoncini di legno di Zara Home (€ 89,90) è in perfetto stile coastal, che si potrebbe inserire come oggetto di contrasto su uno stile moderno-chic.
Il Tavolino Bastoncini di legno di Zara Home (€ 89,90) è in perfetto stile coastal, che si potrebbe inserire come oggetto di contrasto su uno stile moderno-chic.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo sgabello Ikea PS 2014 ha, come tutta la linea Ikea PS 2014, stile essenziale e due colori. In più la parte inferiore di illumina a led, senza bisogno di collegarlo alla corrente! Davvero kitch, potrebbe essere l'oggetto divertente di un sobrio living moderno.
Lo sgabello Ikea PS 2014 (€ 49,90, da IKEA) ha, come tutta la linea Ikea PS 2014, stile essenziale e due colori. In più la parte inferiore si illumina a led, senza bisogno di collegarlo alla corrente! Davvero kitch, potrebbe essere l’oggetto divertente di un sobrio living moderno.
Sgabello Bobina Docks di Maisons du Monde (€ 79,90) è un'idea superlativa, che si può sposare con qualunque stile, mettendosi sempre in contrasto, soprattutto in un delicato ambiente shabby-chic.
Sgabello Bobina Docks di Maisons du Monde (€ 79,90) è un’idea superlativa, che si può sposare con qualunque stile, mettendosi sempre in contrasto, soprattutto in un delicato ambiente shabby-chic.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

in questo articolo:

www.maisonsdumonde.com

www.zarahome.com

www.ikea.com

Letto che scompare o letto che non è un letto?

Per noi proprietari di microcase la distribuzione dello spazio è sempre un problema.

Riuscire a dividere gli spazi in modo netto a volte è impossibile, e spesso siamo costretti a far convivere due (o tre!) stanze in una sola. Ma come farlo senza rendere lo spazio invivibile e senza sacrificare la comodità di un letto matrimoniale o per lo meno a piazza francese?!?

Ho sempre avuto una certa ripugnanza per i divani-letto: perfetti per una o due notti, vanno bene per gli ospiti, ma sono assolutamente impossibili da “vivere”! Inoltre, la seccatura di dover aprire e fare il letto la sera, quando magari si arriva a casa stanchi dal lavoro, soprattutto col lugubre pensiero di dover fare il processo inverso la mattina dopo, è insopportabile!

Così come non mi vanno molto a genio i letti a soppalco. Belli e comodi (e a volte imprescindibili!) per bambini e ragazzi, ma per degli adulti cominciano ad essere faticosi! Innanzitutto, rifare il letto diventa una vera e propria impresa acrobatica! E “tirarlo su” in maniera raffazzonata non permette poi un buon riposo, e Dio sa se chi lavora ne ha invece diritto e bisogno!!! Inoltre, sempre pensando a me, che torno a casa la sera tardi dopo 7-8 ore trascorse sempre in piedi a correre su e giù per il negozio, mi viene l’ansia al solo pensiero di non potermi buttare direttamente sul materasso, ma dover affrontare una scaletta a pioli per poterlo fare! I bambini si divertiranno anche a scorrazzare su e giù come scimmie dai letti a castello, ma io non ho più il fisico per farlo!

Quando si parla di letti a castello, soppalcati o a scomparsa, quindi, bisogna innanzitutto pensare a noi stessi, alle nostre necessità e comodità. E al fatto che a sera non siamo più vispi e pieni di energie come quando avevamo 8 anni…

A questo proposito, ho trovato parecchie soluzioni che riguardano soprattutto il letto: letti con soluzioni contenitive (in modo da poter ridurre le dimensioni di armadi e guardaroba),  oppure addirittura la sua temporanea scomparsa, o ancora la sua trasformazione in qualcosa d’altro. E non preoccupatevi, esistono anche soluzioni abbastanza economiche o comunque vantaggiose!!!

Beh, il posto d’onore lo cedo al MIO Brimnes di IKEA:

Letto con contenitore Brimnes di IKEA
Letto con contenitore Brimnes di IKEA (€ 159 / 169 )

E’ solo bianco (cosa che a noi proprietari di miniappartamenti non disturba più di tanto), ed è disponbilie nella misura matrimoniale (160cm di larghezza a € 169) e a piazza francese (140 cm a € 159 : quello che ho io!). I cassetti sotto sono FANTASTICI: enormi, profondi, arrivano a contenere un piumino matrimoniale oppure fino ad una decina di scatole da scarpe!!! L’unica cosa negativa: le maniglie. Sono sporgenti e aguzze, si rischia seriamente di sgrafignarsi le gambe contro di esse. Ikea dovrebbe trovare una soluzione per ricoprirle (tipo dei rivestimenti di gomma colorata da vendere anche separatamente…).

Come ulteriore spazio per “stivare” oggetti, a parte si può comprare la Testiera con contenitore Brimnes:

Testiera contenitore Brimnes di Ikea (€ 80)
Testiera contenitore Brimnes di Ikea (€ 80)
Brimnes con testiera
Brimnes con testiera

La testiera è particolarmente comoda perchè ci permette di rinunciare ai comodini: sopra c’è sufficiente spazio per lampade, sveglia, stereo, cornici portafoto e chi più ne ha più ne metta! Negli scomparti ai due lati ci si può infilare libri e riviste e sotto c’è lo spazio per impilarci due scatole Kassett.

Scatole kassett cm 21x26x15 (€ 4,99 la coppia)
Scatole kassett cm 21x26x15 (€ 4,99 la coppia)

 

 

 

 

 

 

 

 

Se invece vogliamo soluzioni più radicali e che ci facciano risparmiare davvero parecchio spazio, allora dobbiamo investire qualche soldino in più, ma le soluzioni non mancano!

Ci sono i creativi di www.vivilospazio.it che progettano e realizzano soluzioni sia per privati sia per hotel e aziende. E si capisce perchè: riescono a nascondere un letto, anche matrimoniale, nei posti più impensati! Non solo il solito armadio, ma anche in poltrone, consolle e attaccapanni!!!

Alcuni esempi dei letti "a scomparsa" di vivilospazio.it (prezzi su richiesta)
Alcuni esempi dei letti “a scomparsa” di vivilospazio.it (prezzi su richiesta)

Altre personcine geniali sono i designer di www.clei.it che hanno sperimentato soluzioni per letti “a scomparsa” altrettanto geniali e forse un po’ più chic e decisamente più costosi, ma è sterminata la scelta dei materiali per poter personalizzare la propria soluzione salvaspazio, che è possibile realizzare anche su misura.

Qualche esempio di soluzione trasformabile di clei.it (prezzi su richiesta)
Qualche esempio di soluzione trasformabile di clei.it (prezzi su richiesta)

 

 

 

 

 

 

 

 

Infine, ma non ultimo, quello che è forse il mio sito preferito in fatto di soluzioni letto contenitive. http://www.diellemodus.it ha creato sistemi letto-armadio assolutamente d’avanguardia, bellissimi e che fanno innamorare al primo sguardo.

Pratici, trendy, spaziosi, hanno pensato proprio a tutto, anche ai libri impilati dietro la testa per poterli prendere in qualunque momento!

Le loro soluzioni sono 4.

1 ) La “palafitta“, una rivisitazione del letto a baldacchino in chiave moderna e pratica:

Dielle Modus modello Palafitta (prezzo su richiesta)
Dielle Modus modello Palafitta (prezzo su richiesta)

 

 

 

 

 

Dalle ante sopra il letto, si estraggono gli appendiabiti, che scendono “a tendina”, per poi risalire quando si è finito di riporli. Un assoluto colpo di genio! Dietro la testata del letto c’è una libreria e, ai lati, due capienti guardaroba che si aprono sul fianco. Altri pensili sono in alto, sul lato corto del letto, così come altre mensole per riporre libri e oggetti.

2) “l’armadio a ponte” che “scavalca” il letto matrimoniale, armoniosamente inserito al di sotto. L’armadio può essere a battenti o ad ante scorrevoli.

Armadio Ponte con ante battenti (prezzo su richiesta)
Armadio Ponte con ante battenti (prezzo su richiesta)

I comodini sono integrati nella struttura, mentre mensole dietro la testata e sopra forniscono posto prezioso per libri e oggetti sempre a portata di mano.

3) la “cabina armadio con letto“, in cui il letto è addossato all’armadio, che è in realtà una cabina profonda in cui poter anche entrare per sistemare un sacco di roba!

Cabina armadio con letto (prezzo su richiesta)
Cabina armadio con letto (prezzo su richiesta)
Particolare della cabina armadio
Particolare della cabina armadio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una soluzione decisamente moderna, innovativa e originale!

Ma quella che veramente mi lascia senza fiato, quella che “la vorrei davvero davvero” è la soluzione n°4…

4) “Letto container con cabina armadio” è unico. Assolutamente geniale, la prima volta che l’ho vista son rimasta a bocca aperta! Come contenere con intelligenza e in davvero poco spazio un letto matrimoniale e un intero, vasto guardaroba (e pure il cassettone!):

Letto container con contenitore attrezzato e cabina armadio (prezzo su richiesta)
Letto container con contenitore attrezzato e cabina armadio (prezzo su richiesta)
...si apre la porticina sotto il letto...
…si apre la porticina sotto il letto…

 

 

 

 

 

 

 

 

 e TA-DAAAAN!!!
e TA-DAAAAN!!!

Ora, ditemi se questa non è un’idea pazzesca.

La adoro.

La voglio.

Sognare non nuoce…